LOGO-SMU-COLOR

RICERCA E INNOVAZIONE PER MEGLIO ACCOGLIERE,
ASSISTERE E INCLUDERE I RICHIEDENTI ASILO
E RIFUGIATI AFFETTI DA DISAGIO MENTALE

Logo_SOCIAL_orizz_retina
LOGO-SMU-COLOR

RICERCA E INNOVAZIONE PER MEGLIO ACCOGLIERE,
ASSISTERE E INCLUDERE I RICHIEDENTI ASILO
E RIFUGIATI AFFETTI DA DISAGIO MENTALE

Logo_SOCIAL_orizz_retina

Accoglienza senza sofferenza. Un progetto nato e pensato per affrontare il problema di rifugiati e richiedenti asilo con vulnerabilità psicologica.

Secondo Medici senza Frontiere, il 40% dei rifugiati e richiedenti asilo soffre di problematiche di natura psicologica e cognitiva a causa delle molteplici sofferenze vissute prima e durante il viaggio, amplificate dalle difficoltà a cui vanno incontro dopo il loro arrivo in Italia: dalle lunghe attese per l’ottenimento della protezione internazionale ai fenomeni quotidiani di razzismo e discriminazione.
Un fenomeno che Cambalache, con il sostegno della Fondazione SociAL, ha voluto contrastare attraverso un progetto che parla di benessere come chiave per una inclusione sana e sostenibile.
Tra il 2018 e il 2020, Skill Me UP! ha proposto diversi percorsi volti a indagare e approfondire la correlazione tra disagio mentale e accoglienza/inclusione dei rifugiati e richiedenti asilo. Da una parte per aiutare chi di questo disagio soffre, dall’altra per fornire gli strumenti agli operatori del settore, per prevenire un fenomeno spesso affrontato in casi di emergenza.
Ha messo in campo diversi servizi, tra cui counseling a domicilio, uno sportello di ascolto per gli operatori dell’accoglienza, una serie di laboratori sperimentali di riabilitazione psico-sociale in diversi ambiti, tavoli di lavoro tematici, materiali operativi, strumenti di orientamento ai servizi sul territorio. Tra gli obiettivi, la costruzione di reti sul territorio locale e regionale, per creare le basi di una migliore accoglienza e inclusione delle persone straniere offrendo un modello virtuoso e replicabile.

Accoglienza senza sofferenza. Un progetto nato e pensato per affrontare il problema di rifugiati e richiedenti asilo con vulnerabilità psicologica.

Secondo Medici senza Frontiere, il 40% dei rifugiati e richiedenti asilo soffre di problematiche di natura psicologica e cognitiva a causa delle molteplici sofferenze vissute prima e durante il viaggio, amplificate dalle difficoltà a cui vanno incontro dopo il loro arrivo in Italia: dalle lunghe attese per l’ottenimento della protezione internazionale ai fenomeni quotidiani di razzismo e discriminazione.
Un fenomeno che Cambalache, con il sostegno della Fondazione SociAL, ha voluto contrastare attraverso un progetto che parla di benessere come chiave per una inclusione sana e sostenibile.
Tra il 2018 e il 2020, Skill Me UP! ha proposto diversi percorsi volti a indagare e approfondire la correlazione tra disagio mentale e accoglienza/inclusione dei rifugiati e richiedenti asilo. Da una parte per aiutare chi di questo disagio soffre, dall’altra per fornire gli strumenti agli operatori del settore, per prevenire un fenomeno spesso affrontato in casi di emergenza.
Ha messo in campo diversi servizi, tra cui counseling a domicilio, uno sportello di ascolto per gli operatori dell’accoglienza, una serie di laboratori sperimentali di riabilitazione psico-sociale in diversi ambiti, tavoli di lavoro tematici, materiali operativi, strumenti di orientamento ai servizi sul territorio. Tra gli obiettivi, la costruzione di reti sul territorio locale e regionale, per creare le basi di una migliore accoglienza e inclusione delle persone straniere offrendo un modello virtuoso e replicabile.

unnamed

SFOGLIA IL REPORT
PER CONOSCERE NEL DETTAGLIO IL PROGETTO E IL CONTESTO SPECIFICO IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA

SFOGLIA IL REPORT
PER CONOSCERE NEL DETTAGLIO IL PROGETTO E IL CONTESTO SPECIFICO IN PROVINCIA DI ALESSANDRIA

unnamed

SERVIZI E AZIONI

SERVIZI E AZIONI

Image icon

MAPPATURA DELL'OFFERTA DI ATTIVITA' E SERVIZI SUL TERRITORIO

Mappiamo costantemente le opportunità in essere sul territorio in ambito assistenziale, formativo, lavorativo, sportivo, culturale e ricreativo, che in vari modi possano contribuire alla riabilitazione e al benessere della persona. Promuoviamo l’accesso dei richiedenti asilo e rifugiati più vulnerabili attraverso convenzioni, agevolazioni e nuove forme di collaborazione. Nell’ambito del progetto abbiamo realizzato una “Mappa dei servizi utili ai migranti sul territorio di Alessandria”, che contiene i riferimenti a 49 enti attivi in città a cui possono rivolgersi migranti e persone con vulnerabilità.
Image icon

MAPPATURA DELL'OFFERTA DI ATTIVITA' E SERVIZI SUL TERRITORIO

Mappiamo costantemente le opportunità in essere sul territorio in ambito assistenziale, formativo, lavorativo, sportivo, culturale e ricreativo, che in vari modi possano contribuire alla riabilitazione e al benessere della persona. Promuoviamo l’accesso dei richiedenti asilo e rifugiati più vulnerabili attraverso convenzioni, agevolazioni e nuove forme di collaborazione. Nell’ambito del progetto abbiamo realizzato una “Mappa dei servizi utili ai migranti sul territorio di Alessandria”, che contiene i riferimenti a 49 enti attivi in città a cui possono rivolgersi migranti e persone con vulnerabilità.
Image icon

PERCORSI SPERIMENTALI DI RIABILITAZIONE PSICOSOCIALE

Skill Me UP! stimola l’accesso dei richiedenti asilo e rifugiati a percorsi riabilitativi veicolando le opportunità sul territorio e tramite l’attivazione di percorsi sperimentali di gruppo. Questi percorsi sono volti a implementare specifiche skill, quali la comunicazione verbale e non, l’accesso e l’espressione alle proprie emozioni, l’interazione con gli altri, la cura di sé e dei propri spazi, le competenze professionali e la progettualità relativa al proprio futuro.
Image icon
Riqualificazione professionale
Percorso di riqualificazione professionale realizzato in collaborazione con Elilu – Azienda Agricola Multifunzionale. Il percorso ha coinvolto tre beneficiari in mansioni di accudimento degli animali, pratiche dell’orto e trasformazioni di alimenti.
Image icon
Musica
La musica come veicolo di dialogo e condivisione, capace di parlare una lingua universale e condurre fuori dalla solitudine, aprire spazi di confronto e dimensioni di accoglienza.
Il percorso musicale di riabilitazione psicosociale è stato realizzato in collaborazione con il Conservatorio “Antonio Vivaldi” di Alessandria.
Image icon
Cura di sé
Ciclo di incontri tematici con l’obiettivo di promuovere il benessere e il sapere prendersi cura della propria persona e dei propri spazi.
Il percorso consta di cinque moduli, sia teorici sia esperienziali, su alimentazione, salute, ambiente, spazi personali, sport.
Realizzato in collaborazione con NovaCoop e AMAG Ambiente.
Image icon
Espressività corporea
Un laboratorio per esplorare la personale attitudine corporea e i vissuti ad essa legati, per superare le barriere sia del blocco traumatico sia delle differenze linguistiche, proponendo la comunicazione non-verbale come canale privilegiato per entrare in relazione. Realizzato in collaborazione con la psicoterapeuta Dott.ssa Sara Bosatra.
Image icon
Disegno
Arte come luogo di incontro, scambio e condivisione di idee ed esperienze ma anche mezzo di traduzione in un linguaggio non verbale di ciò che può essere difficile o doloroso esprimere a parole.
Laboratorio collaborazione con l’Associazione di Volontariato Il Tiretto Onlus.
Image icon

PERCORSI SPERIMENTALI DI RIABILITAZIONE PSICOSOCIALE

Skill Me UP! stimola l’accesso dei richiedenti asilo e rifugiati a percorsi riabilitativi veicolando le opportunità sul territorio e tramite l’attivazione di percorsi sperimentali di gruppo. Questi percorsi sono volti a implementare specifiche skill, quali la comunicazione verbale e non, l’accesso e l’espressione alle proprie emozioni, l’interazione con gli altri, la cura di sé e dei propri spazi, le competenze professionali e la progettualità relativa al proprio futuro.
Image icon
Riqualificazione professionale
Percorso di riqualificazione professionale realizzato in collaborazione con Elilu – Azienda Agricola Multifunzionale. Il percorso ha coinvolto tre beneficiari in mansioni di accudimento degli animali, pratiche dell’orto e trasformazioni di alimenti.
Image icon
Musica
La musica come veicolo di dialogo e condivisione, capace di parlare una lingua universale e condurre fuori dalla solitudine, aprire spazi di confronto e dimensioni di accoglienza.
Il percorso musicale di riabilitazione psicosociale è stato realizzato in collaborazione con il Conservatorio “Antonio Vivaldi” di Alessandria.
Image icon
Cura di sé
Ciclo di incontri tematici con l’obiettivo di promuovere il benessere e il sapere prendersi cura della propria persona e dei propri spazi.
Il percorso consta di cinque moduli, sia teorici sia esperienziali, su alimentazione, salute, ambiente, spazi personali, sport.
Realizzato in collaborazione con NovaCoop e AMAG Ambiente.
Image icon
Espressività corporea
Un laboratorio per esplorare la personale attitudine corporea e i vissuti ad essa legati, per superare le barriere sia del blocco traumatico sia delle differenze linguistiche, proponendo la comunicazione non-verbale come canale privilegiato per entrare in relazione. Realizzato in collaborazione con la psicoterapeuta Dott.ssa Sara Bosatra.
Image icon
Disegno
Arte come luogo di incontro, scambio e condivisione di idee ed esperienze ma anche mezzo di traduzione in un linguaggio non verbale di ciò che può essere difficile o doloroso esprimere a parole.
Laboratorio collaborazione con l’Associazione di Volontariato Il Tiretto Onlus.
Image icon

WEBINAR DI CHIUSURA DEL PROGETTO

Il 23 aprile si è tenuto online il Webinar dal titolo “Dialogo di rete e approccio multidisciplinare all’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati con vulnerabilità”. Un appuntamento organizzato dopo che l’emergenza Covid-19 ha portato alla cancellazione del Convegno finale del progetto Skill Me UP!, in programma a fine marzo. Si è trattato di un momento di confronto e dialogo per riflettere sulle criticità del momento e le buone pratiche messe in campo, ma soprattutto per proiettarsi verso il futuro,
rafforzando le sinergie sul territorio e a livello regionale.

All’evento web hanno partecipato Elisa Domanico, psicologa e psicoterapeuta di APS Cambalache, referente del progetto Skill Me UP!, Marilena Bertini, medico del Gruppo Immigrazione e Salute (GrIS) Piemonte nonché ex presidente della ong CCM (Comitato Collaborazione Medica), Miranda Ralli, psicologa-psicoterapeuta-sociologa del Centro Migranti Marco Cavallo, e Giorgia Micene, psicologa e psicoterapeuta, con esperienza in ambito psico-sociale, clinico e umanitario, in rappresentanza di Psicologi nel Mondo Torino.

LEGGI IL RACCONTO

Image icon

WEBINAR DI CHIUSURA DEL PROGETTO

Il 23 aprile si è tenuto online il Webinar dal titolo “Dialogo di rete e approccio multidisciplinare all’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati con vulnerabilità”. Un appuntamento organizzato dopo che l’emergenza Covid-19 ha portato alla cancellazione del Convegno finale del progetto Skill Me UP!, in programma a fine marzo. Si è trattato di un momento di confronto e dialogo per riflettere sulle criticità del momento e le buone pratiche messe in campo, ma soprattutto per proiettarsi verso il futuro,
rafforzando le sinergie sul territorio e a livello regionale.

All’evento web hanno partecipato Elisa Domanico, psicologa e psicoterapeuta di APS Cambalache, referente del progetto Skill Me UP!, Marilena Bertini, medico del Gruppo Immigrazione e Salute (GrIS) Piemonte nonché ex presidente della ong CCM (Comitato Collaborazione Medica), Miranda Ralli, psicologa-psicoterapeuta-sociologa del Centro Migranti Marco Cavallo, e Giorgia Micene, psicologa e psicoterapeuta, con esperienza in ambito psico-sociale, clinico e umanitario, in rappresentanza di Psicologi nel Mondo Torino.

LEGGI IL RACCONTO

CONTATTACI ORA

Inviando questa richiesta, dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy del presente sito ed acconsento al trattamento dei miei dati personali per la gestione della presente richiesta.

CONTATTACI ORA

Inviando questa richiesta, dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy del presente sito ed acconsento al trattamento dei miei dati personali per la gestione della presente richiesta.