GUEST BOOK

GUEST BOOK

CAMBALACHE RACCONTATA ATTRAVERSO LE TESTIMONIANZE DEI SUOI COLLABORATORI. STORIE ED ESPERIENZE DI UN PERCORSO DI VITA.

Andrea Jiménez de la Torre – studentessa colombiana

"The reason why I decided to go as a volunteer, was because I felt the need to connect with other people, get to know a problem that affects everyone but few people care about them"

Kristin Richau – studentessa tedesca

"The working athmosphere is great and harmonic and you really feel like everyone is trying their best to work for a shared goal"

Martina D’Agostino – studentessa di Antropologia Culturale all’Università di Bologna

“Collaborare con Cambalache è stata un’esperienza preziosa. L’Associazione è un vero punto di riferimento nel contesto dell’accoglienza, perché unisce in modo innovativo risorse, bisogni e professionalità, dando più valore al nostro futuro”.

Rachel Frame – studentessa scozzese di Antropologia

"I wanted to find out more about the challenges refugees face when integrating into a new society and what can be done to help them"

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Ho coinvolto Cambalache in un progetto di ricerca didascalico e fotografico. Un reportage in cui ho spiegato come il ritorno alla terra sia spesso percepito come il ritorno alla storia, alla cultura e alla tradizione di un determinato territorio. Questo vale per chi vi ha sempre vissuto e per chi vi è appena giunto, mosso da scelte obbligate ma coraggiose”.

CAMBALACHE RACCONTATA ATTRAVERSO LE TESTIMONIANZE DEI SUOI COLLABORATORI. STORIE ED ESPERIENZE DI UN PERCORSO DI VITA.

Andrea Jiménez de la Torre – studentessa colombiana

"The reason why I decided to go as a volunteer, was because I felt the need to connect with other people, get to know a problem that affects everyone but few people care about them"

Kristin Richau – studentessa tedesca

"The working athmosphere is great and harmonic and you really feel like everyone is trying their best to work for a shared goal"

Martina D’Agostino – studentessa di Antropologia Culturale all’Università di Bologna

“Collaborare con Cambalache è stata un’esperienza preziosa. L’Associazione è un vero punto di riferimento nel contesto dell’accoglienza, perché unisce in modo innovativo risorse, bisogni e professionalità, dando più valore al nostro futuro”.

Rachel Frame – studentessa scozzese di Antropologia

"I wanted to find out more about the challenges refugees face when integrating into a new society and what can be done to help them"

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

“Ho coinvolto Cambalache in un progetto di ricerca didascalico e fotografico. Un reportage in cui ho spiegato come il ritorno alla terra sia spesso percepito come il ritorno alla storia, alla cultura e alla tradizione di un determinato territorio. Questo vale per chi vi ha sempre vissuto e per chi vi è appena giunto, mosso da scelte obbligate ma coraggiose”.

ONDA_VS_BASSO_3f8292W

CAMBALACHE CERCA TE

ONDA_VS_ALTO_5C6668

CAMBALACHE CERCA TE

LE ULTIME DAL BLOG

Vivi in prima persona le iniziative e i progetti Cambalache nel racconto quotidiano del suo operato

clone tag: 854272866417411222

Da diversi anni le nostre realtà lavorano con la Prefettura, i Comuni e altre realtà istituzionali e private per promuovere e realizzare percorsi di accoglienza e inclusione sociale dignitosi, con

Correre per essere liberi. Il dottor Luca e Mamadu pronti alla StrAlessandria

“La corsa ti permette di sentirti libero e sereno, di abbattere le maschere, ti fa sentire l’aria addosso e ti fa staccare la testa. Correre insieme poi è ancora meglio,

LE ULTIME DAL BLOG

Vivi in prima persona le iniziative e i progetti Cambalache nel racconto quotidiano del suo operato

clone tag: 854272866417411222

Da diversi anni le nostre realtà lavorano con la Prefettura, i Comuni e altre realtà istituzionali e private per promuovere e realizzare percorsi di accoglienza e inclusione sociale dignitosi, con

Correre per essere liberi. Il dottor Luca e Mamadu pronti alla StrAlessandria

“La corsa ti permette di sentirti libero e sereno, di abbattere le maschere, ti fa sentire l’aria addosso e ti fa staccare la testa. Correre insieme poi è ancora meglio,