EVENTI, MERCATI, INIZIATIVE.

EVENTI, MERCATI, INIZIATIVE.

SCOPRI DOVE E QUANDO TROVARCI.

SCOPRI DOVE E QUANDO TROVARCI.

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

“The Climate Limbo” al festival multietnico “Alessandrini”

12 Maggio 2019 @ 17:00 - 18:00

Il documentario su migrazioni e mutamenti climatici “The Climate Limbo” verrà proiettato nel corso del Festival Multietnico “Alessandrini”, in programma sabato 11 e domenica 12 maggio 2019. ingresso gratuito

The Climate Limbo è un documentario di Elena Brunello con la regia di Paolo Caselli e Francesco Ferri, promosso da Cambalache e realizzato da Dueotto Film, un progetto finanziato attraverso il Consorzio delle Ong Piemontesi da Frame, Voice, Report! con il contributo dell’Unione Europea. Il documentario racconta il nesso tra cambiamento climatico e migrazioni. Attraverso le storie di Queen, fuggita dalla Nigeria a causa dei danni causati dal petrolio sull’ambiente, di Rubel, scappato dalle feroci inondazioni del Bangladesh e le voci di Francesco, Luigi e Carlotta, agricoltori e allevatori italiani che si confrontano con il problema della desertificazione e della perdita di biodiversità in Italia, il film vuole documentare come il cambiamento climatico spingerà sempre più persone a lasciare la propria terra. A fare da cornice scientifica sono un glaciologo, un fisico climatologo e un avvocato che si occupa di diritti dell’immigrazione. Ancora non esiste un riconoscimento della condizione di rifugiato climatico nel sistema di asilo internazionale, milioni di uomini e donne vivono in un limbo creato dall’Uomo e dal suo impatto sull’ambiente. Passando dalle terre del Piemonte, ai campi di riso del Bangladesh, al delta del Niger fino ai ghiacciai delle Alpi, si comprende la complessa connessione tra cambiamenti climatici e spostamenti umani.

Dettagli

Data:
12 Maggio 2019
Ora:
17:00 - 18:00
Tag Evento:
, , , , , ,

Luogo

Il Chiostro Hostel and Hotel
Piazza Santa Maria di Castello 14
Alessandria, Italia
ONDA_VS_BASSO_3f8292W

CAMBALACHE CERCA TE

ONDA_VS_ALTO_5C6668

CAMBALACHE CERCA TE

LE ULTIME DAL BLOG

Vivi in prima persona le iniziative e i progetti Cambalache nel racconto quotidiano del suo operato

Il vincitore del Bee My Job Contest è Zavzarill – Laguna Wellness. Percorsi di inclusione grazie all’alga salicornia

L'annuncio dato in occasione della conferenza "Rifugiati in agricoltura. Il progetto Bee My Job e altre esperienze contro lo sfruttamento lavorativo in agricoltura", tenuta a Roma con l'UNHCR.

Bee My Job: il modello della buona inclusione. A Roma con l’UNHCR per dialogare con i Ministeri e le realtà impegnate in percorsi virtuosi

Il progetto di apicoltura sociale ideato da Cambalache è stato presentato come best practice di inserimento lavorativo di rifugiati e richiedenti asilo, contro ogni forma di sfruttamento.

Rifugiati in agricoltura. Bee My Job e altre esperienze contro lo sfruttamento lavorativo – Roma 13 dicembre

Una conferenza per condividere e promuovere percorsi di inclusione per i rifugiati nel settore agricolo che combattono la piaga del caporalato e contrastano concretamente lo sfruttamento.

LE ULTIME DAL BLOG

Vivi in prima persona le iniziative e i progetti Cambalache nel racconto quotidiano del suo operato

Il vincitore del Bee My Job Contest è Zavzarill – Laguna Wellness. Percorsi di inclusione grazie all’alga salicornia

L'annuncio dato in occasione della conferenza "Rifugiati in agricoltura. Il progetto Bee My Job e altre esperienze contro lo sfruttamento lavorativo in agricoltura", tenuta a Roma con l'UNHCR.

Bee My Job: il modello della buona inclusione. A Roma con l’UNHCR per dialogare con i Ministeri e le realtà impegnate in percorsi virtuosi

Il progetto di apicoltura sociale ideato da Cambalache è stato presentato come best practice di inserimento lavorativo di rifugiati e richiedenti asilo, contro ogni forma di sfruttamento.

Rifugiati in agricoltura. Bee My Job e altre esperienze contro lo sfruttamento lavorativo – Roma 13 dicembre

Una conferenza per condividere e promuovere percorsi di inclusione per i rifugiati nel settore agricolo che combattono la piaga del caporalato e contrastano concretamente lo sfruttamento.

Condividi
Tweet
Pin